Capodanno con Sangue e Arena

0
288

A Milano, nel cartellone non ricchissimo di eventi degni di nota messo a punto per festeggiare la fine dell’anno, segnaliamo un appuntamento imperdibile per quegli appassionati che si trovassero a passare le ultime ore di questo 2021 nel capoluogo lombardo: la Cineteca di Milano la sera del 31 dicembre con inizio alle 21.30, proietterà nei locali di via Vittorio Veneto una copia in 35mm di: “Sangue e arena”, di Fred Niblo (Blood and Sand, 1922) con accompagnamento musicale dal vivo.

Del capolavoro del regista statunitense, remake di una prima edizione datata 1916, si è già parlato in più di un’occasione e il film è del resto uno dei titoli più noti tra quelli giunti fino a noi dall’epoca del muto. Lo è non a caso: il melodramma come modello ed espediente narrativo di moltissimo cinema hollywoodiano a seguire, la modernità formale nonché la presenza di Rodolfo Valentino, da qui in poi consacrato definitivamente a divo, sono solo alcuni degli ingredienti che ne fanno un lungometraggio da conoscere e riscoprire, mai adombrato dalla successiva versione pluripremiata di Mamoulian del 1941. 

A raccogliere la sfida dell’accompagnamento musicale, eseguito dal vivo al pianoforte, Francesca Badalini. Affrontare il grande schermo eleggendolo a spartito nella difficile arte di cogliere ritmi, fughe e armonie di montaggio è pratica consueta per Francesca. Raggiunta per un breve scambio, di cui la ringrazio, ci presenta così la serata: “Faccio questo lavoro (improvvisare e comporre musiche per le proiezioni di film muti, nda) da ormai più di 20 anni. Ho già avuto occasione di musicare questo film un paio di volte, sempre improvvisando, parecchi anni fa. Questa volta oltre all’improvvisazione credo che citerò e rielaborerò musiche spagnole dell’epoca, sia tratte dal repertorio “classico” che da quello popolare. Quando musico più volte lo stesso film può capitare che cambi approccio, per variare a seconda dell’occasione e di ciò che il film mi comunica in quel momento. Musicalmente il film offre situazioni molto varie, dal dramma all’intrigo, dalla passione amorosa alle dinamiche familiari… quindi anche musicalmente offre spunti molto diversificati.”

Il lungometraggio di Fred Niblo sarà preceduto, alle 19.30 dalla proiezione di “Manolete”, di Menno Meyjes; conAdrien Brody e Penélope Cruz. Il film, pronto nel 2007 ma distribuito in Italia, poco e male, oltre due anni dopo, calca ancora una volta il terreno del melodramma ma il sapore, visti cast e sforzo produttivo, è quello di un’occasione mancata. Quindici anni dopo, grazie alla Cineteca, l’opportunità di rivalutarlo o consegnarlo definitivamente all’oblio.

Tutte le informazioni su: http://www.cinetecamilano.it/

SCRIVI UN COMMENTO