Paco Ureña: un modello

0
326
Foto Mikel Ponce

Poco prima che il 2018 terminasse, in uno di quei momenti altamente taurini che hanno luogo fuori da una plaza de toros, Paco Ureña ha incontrato giornalisti e critici per raccontare i mesi passati e annunciare il suo ritorno nell’arena. Nella corrida del 14 settembre che Uomini e Tori raccontò qui, Ureña ebbe immediatamente la sensazione che qualcosa di irreversibile fosse accaduto, eppure tornò in pista deciso a rispettare l’animale, se stesso e la sua professione. Di quel momento su cui già si stanno accumulando resoconti, commenti e rielaborazioni letterarie,
Ureña preferisce non parlare più del necessario. Preferisce guardare avanti. Tornare nell’arena è stata la sua determinazione immediata. L’aiuto dei familiari e degli amici e soprattutto dei colleghi, primo indiscutibile il Pirata Padilla, lo hanno confortato nella sua determinazione torera. Appare a noi appassionati un privilegio poter seguire una storia del genere. Si può farlo fra l’altro nei resoconti immediati della conferenza stampa (come quello di ABC o quello del Mundo). O lo si può fare leggendo le parole che un critico come Antonio Lorca gli ha dedicato, quasi fosse la consegna di un modello a cui ispirarsi per la temporada che ci attende, sempre più difficile e in bilico fra debolezza interna del mondo taurino e attacchi esterni di un mondo globale. Lo si può fare anche in Italia, su mezzi di comunicazione che generalmente ignorano vicende di questo tipo, come sul bel sito sportivo: Ultimo Uomo.

SHARE
Articolo precedenteMatti della corrida
Articolo successivoIl rito sorge ancora

SCRIVI UN COMMENTO