Tauropatie 2

0
485
Photo M. Meschiari

Alcuni anni fa, avendo in mente “Romanzi in tre righe” di Félix Féneon e “Le galline pensierose” di Luigi Malerba, ho scritto alcune storielle di argomento taurino. L’intento è duplice: scavare nell’assurdo del mundillo ed enunciare indirettamente alcune idee. Un poco alla volta.

*  *  *

(2)

Un aficionado aveva tanta paura di dimenticare il trapío di un toro e la faena di un torero che prendeva costantemente appunti. Non alzava mai lo sguardo dal taccuino. Quando morì, un amico lesse e rilesse gli appunti ma non riconobbe nessuna delle corride che avevano visto assieme. Anzi, gli appunti sembravano i deliri di un torero impazzito.

SHARE
Articolo precedenteEva Bianchini. Una intervista
Articolo successivoJT: il parricidio
Matteo Meschiari
(Modena, 1968) è antropologo e scrittore, oltre che aficionado. Ha visto la sua prima corrida ad Arles, il 9 aprile 2004: Javier Sánchez Arjona per Enrique Ponce, El Juli, José Mari Manzanares. matteomeschiari@uominietori.it

SCRIVI UN COMMENTO