Joselito e la Macarena

0
422

Mentre in Italia impazza la polemica dopo l’articolo di Ottavio Di Brizzi di cui abbiamo parlato e che presto pubblicheremo, mentre in Spagna la stagione è esplosa solo chiudendosi (per ovvie ragioni legate ai tempi che viviamo), e mentre persino in Venezuela tentano di proibire i tori, il nostro agente a Sevilla, Paolo Aroldo Sanvitto, detto El Gordito, ci informa che l’Hermandad de la Macarena ha regalato a tutti una bella novità: la statua di un hermano speciale, quel ragazzo che pareva invincibile e che è stato forse il più grande matador di tutti i tempi, José Gomez Ortega Joselito El Gallo, tanto devoto da regalare alla Macarena i cinque smeraldi che le tremano sul petto ogni volta che il venerdì santo la Vergine balla per le strade di Sevilla.

SHARE
Articolo precedenteFuturo
Articolo successivoI tori secondo Di Brizzi

SCRIVI UN COMMENTO